Tokens24.com is your single stop for crypto

Proof of Burn

Basics Mining

La Proof of Burn (PoB) è un metodo usato dalle criptovalute per il consenso distribuito come alternativa alla Proof of work e Proof of Stake. Il concetto alla base della Proof of Burn è che i minatori provano di aver bruciato monete (cioè di averle spedite ad un indirizzo non spendibile verificabile). Anche se questo è costoso dal punto di vista di un individuo, PoB non consuma risorse diverse dalle monete bruciate, a differenza di Proof of Work, per esempio, che ha il potenziale di consumare enormi quantità di energia per il mining.

L’ idea alla base delle strategie di consenso distribuito è che qualcosa è difficile da fare ma facile da verificare. Il concetto di Proof of Burn è che per dimostrare che i minatori hanno fatto qualcosa, basta che il minatore stesso lo consideri costoso, piuttosto che un requisito di risorse reali come elettricità o manodopera umana o hardware costoso. Bruciando la moneta, fornisce prova e immutabilità. La teoria suggerisce che anche se Proof of Work è adatto quando si istituisce una moneta cripto, una volta che la moneta è stata stabilita, ci sono mezzi per cui un compito può sentire’ costoso’ per un minatore, ma non essere effettivamente’ costoso’ in termini di risorse consumate. Tuttavia, impegnando le monete all’ indirizzo non spendibile, il minatore ha dimostrato impegno nei confronti della miniera sul sistema e pertanto gli viene concesso il privilegio di minare per tutta la vita sul sistema. Maggiori sono le monete che il minatore brucia, migliore sarà l’ opportunità che avrà di estrarre il prossimo blocco. Nel corso del tempo, la posta in gioco del minatore nel sistema decade, costringendoli a bruciare più monete per aumentare le probabilità di essere selezionati per estrarre il blocco successivo.

Anche se ci sono chiari vantaggi di Proof of Burn rispetto a Proof of Work, ci sono anche una serie di vantaggi che ha rispetto a Proof of Stake. Ad esempio, Proof of Burn premia il rischio imprenditoriale piuttosto che la ricchezza perché, con Proof of Stake, più monete si puntano più grandi le ricompense, con il risultato di un potenziale scenario “ricco diventa più ricco”. Inoltre, anche se le monete “puntate” possono essere rubate inserendo la chiave privata nelle monete, le monete bruciate non possono essere hackerate con la stessa facilità. Poiché un aggressore avrebbe bisogno di molto tempo per ottenere una grande quantità di monete, potrebbe facilmente risalire al legittimo proprietario del privato.

La Proof of Burn premia gli investimenti a lungo termine, fornendo che i minatori stiano effettivamente negoziando perdite a breve termine per guadagni a lungo termine. Incoraggia pertanto un coinvolgimento a lungo termine nel progetto, a differenza di altre criptovalute. Inoltre, a causa della probabilità di profitti, è più probabile che sulla rete vi sia una quantità stabile di nodi, dato che esiste un incentivo anche quando il prezzo è basso.

La Proof of Burn è utilizzata da Slimcoin come parte del suo algoritmo consensus e metodo minerario alternativo. La rete consente ai partecipanti con nodi Slimcoin pieni di guadagnare monete trovando blocchi Proof of Burn, determinato da un punteggio chiamato Effective Burnt Coins, basato sulla quantità di monete bruciate effettivamente dal nodo.

Anche se un’ alternativa interessante alla Proof of Work, Proof of Burn è ancora considerato sprecare risorse – anche se in questo caso si tratta di uno spreco di monete piuttosto che di energia del mondo reale. Inoltre, il potere di mining favorisce coloro che sono disposti a bruciare più della criptovlaute.

Newsletter

Community